Archivi tag: Lavoro e casa

Gorizia, un’alleanza per l’inserimento lavorativo e l’integrazione sociale

Una delle buone prassi presentate il 20 gennaio nel seminario di Roma riguarda un complesso di interventi attivati dal consorzio Il Mosaico di Gorizia – Udine in partenariato con le Aziende Sanitaria Locali, che hanno come oggetto interventi di integrazione sociale e lavorativa in particolare di persone con problematiche di salute mentale.

Il punto di partenza è costituito dal Progetto Riabilitativo Personalizzato (PRP) che è redatto congiuntamente da Consorzio e Azienda sanitaria. Il PRP è uno strumento di programmazione degli interventi riabilitativi stabiliti a partire dai reali bisogni della persona in carico, cui sono assegnate un insieme di risorse anche economiche (Budget di salute); dunque ogni PRP è accompagnato da una “dote” che permette l’attuazione del progetto stesso. L’insieme di questi budget costituisce quindi il budget dell’intero intervento, consentendo di porgrammare e sostenere gli interventi e gli investimento che si sonocomunemente decisi.

Il progetto si articola su tre assi principali: quello della salute / socialità, quello del lavoro e della casa. Rispetto al lavoro, dal confronto tra partner è derivato l’orientamento ad investire su determinati settori che sono stati ritenuti particolarmente appropriati per favorire l’inserimento lavorativo; ciò ha avuto come esito la costituzione di alcune cooperative sociali ad oggetto plurimo, in particolare su settori aperti al mercato (una trattoria, un laboratorio con negozio annesso, un’azienda agricola, oltre alla gestione di un parco naturale e recentemente di un maneggio). Oggi sono occupate circa 80 persone svantaggiate in queste attività.

Il lavoro è un tassello di un progetto più ampio, che, oltre agli aspetti di cura e supporto psicologico e psichiatrico, comprende un’azione specifica per assicurare l’autonomia abitativa, garantita attraverso la disponibilità di 20 appartamenti che si aggiungono a 35 posti presso strutture comunitarie.

L’asse sulla socialità prevede l’attivazione ed il sostegno di una iniziative finalizzate a facilitare e rendere prassi quotidiana la frequentazione di contesti di relazione comunitaria. Facilitata forse dalla distribuzione demografica (comuni piccolissimi, spesso anche frazioni) punta anche ad intervenire rispetto alla rimozione dello stigma ancora presistente rispetto ai temi della malattia mentale.

Annunci