Archivi tag: donne

Eurostat e l’inattività delle italiane

In questi giorni Eurostat ha rilasciato i dati aggiornati sui tassi di attività, la quota di persone cioè che si pongono sul mercato del lavoro. Dati positivi, visto l’incipit: “nel 2009 il numero di persone inattive a raggiunto un nuovo minimo del 28.9% nell’Unione Europea, continuando il trend degli scorsi anni. Questo positivo sviluppo è largamente dovuto all’incrementata partecipazione delle donne al mercato del lavoro…”.

Vediamo sinteticamente alcuni degli elementi emersi:

  • i dati sull’Italia evidenziano un tasso di inattività superiore a quello degli altri grandi paesi europei e ciò è chiaramente legato ai minori tassi di attività femminili;
  • in generale in Europa “tra le donne tra i 25 e i 54 anni i tassi di inattività salgono per le donne che hanno figli sotto i sei anni: 31.3% di inattive contro il 19.4% di coloro che non ce l’hanno”, dinamica opposta a quella riscontrabile tra gli uomini;
  • ci sono circa 16 milioni di europei in qualche modo interessati al lavoro (non si sta parlando quindi, ad esempio, di studenti interessati solo a studiare) che per diversi motivi non lo cercano o non ritengono di poter lavorare, fenomeno che comprende aspetti diversi, dalla sfiducia rispetto alle proprie possibilità alla constatazione di proprie situazioni familiari che non consentono di lavorare.

La cooperazione sociale è pienamente inserita nei tentativi di risposta a questa situazione; per l’alta componente di lavoro femminile, legata certo alla tradizione del lavoro di cura, ma anche, come diverse ricerche hanno dimostrato, alla capacità di mettere in atto strategie di flessibilità organizzativa non comuni in altre imprese; per la partecipazione a progetti che combinano servizi per l’impiego e supporti per alleviare i compiti di cura familiare, ad esempio con voucher per l’acquisto di prestazioni; per una sensibilità dimostrata dalle cooperative di inserimento lavorativo ad inserire donne con carichi familiari in quella quota di svantaggio non riconosciuto che è stata più volte riscontrata. Sicuramente una esperienza da valorizzare adeguatamente nel libro bianco.