Quali strumenti per la transizione

Qui viene introdotto un altro dei  temi portanti del dibattito, quello degli strumenti per favorire la transizione al termine del percorso di inserimento. Tra le discussioni che hanno accompagnato la cooperazione sociale sin dalla sua nascita, infatti, vi è quella sugli esiti dei percorsi di inserimento, l’occupazione stabile nella cooperativa stessa o la transizione verso altre imprese. Se oggi la questione è depurata da alcuni attriti “ideologici” di tempi passati, resta il problema delle azioni di impresa e delle politiche funzionali a facilitare il successivo inserimento in imprese nei casi in cui questo sia l’esito auspicato del percorso:

  • quali strumenti normativi possono facilitare questo passaggio?
  • di cosa ha bisogno una cooperativa sociale per rendere le persone inserite in grado di confrontarsi con il lavoro in imprese ordinarie?
  • in che modo il percorso fatto in cooperativa può favorire la successiva riassunzione in altre imprese?
  • quali condizioni consentono alla cooperativa di privarsi dei lavoratori una volta che, grazie agli investimenti compiuti sulla loro abilitazione, hanno raggiunto i maggiori livelli di produttività?

Si potrebbe continuare, ma lo faremo con il contributo di tutti. Il dibattito è aperto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...